GIVE YOUR BRAND A VOICE – Il podcast nella comunicazione di marca

 

Cresce il numero di ascoltatori di podcast in Italia, (15,2 milioni rispetto ai 14,9 milioni dello scorso anno), aumenta la frequenza d’ascolto (8,8 milioni almeno una volta a settimana e 6 milioni che ascoltano contenuti tutti i giorni o almeno 2/3 volte alla settimana) e la percentuale di ascoltatori di branded podcast sale al 63%: uno scenario decisamente positivo quello emerso dall’esclusiva ricerca di OBE – Osservatorio Branded Entertainment presentata oggi al Mudec – Museo delle Culture di Milano nel corso della terza edizione di “GIVE YOUR BRAND A VOICE – Il podcast nella comunicazione di marca, il primo e più importante evento sul panorama nazionale dedicato al branded podcast.

 

Un’importante occasione professionale di aggiornamento e confronto, introdotta dalla Presidente di OBE Laura Corbetta e moderata dalla speaker, podcaster, creator e conduttrice Florencia Di Stefano Abichain, con la partecipazione di tanti ospiti che hanno condiviso le loro esperienze in qualità di esperti del settore, podcaster e content creator – tra cui Luca Casadei, autore del podcast di successo “One More Time” (OnePodcast),  Muriel De Gennaro, divulgatrice attivista LGBTQ+ e paladina dell’inclusività, e Luca Trapanese, voce narrante del podcadt “Have a nice dei” e Assessore al Welfare del Comune di Napoli.

 

La ricerca From podcast to branded podcast 2024, realizzata in collaborazione con BVA Doxa sotto il coordinamento del Direttore Scientifico di OBE, Anna Vitiello, mostra un quadro dettagliato dell’attuale mercato dei podcast e, nello specifico, del branded podcast (su un campione di 1000 persone, uomini e donne 18 – 64 anni sparsi sul territorio italiano, tutti ascoltatori di podcast e intervistati nel mese di aprile 2024).

 

I dati hanno evidenziato che, tra le piattaforme più utilizzate per l’ascolto, mantengono il loro primato Spotify (55%) e Amazon Music (33%), seguite da un interessante 17% di ascoltatori sul canale autore/speaker/influencer, mentre sono in crescita le piattaforme specialistiche (Audible 16%, Apple Music 12%, Google Podcast 12% e Spreaker 5%). YouTube si conferma ancora una volta un ottimo entry point per reclutare i nuovi adepti (58%), registrando un incremento del +3% rispetto allo scorso anno.

 

La natura multitasking resta il vantaggio competitivo dei podcast: il 75% degli ascoltatori dichiara di fare altro mentre ascolta – faccende domestiche (48%), viaggi (44%), sport (38%) – tendenza confermata dalla scelta dello smartphone come device principale (80%).  Interessate notare però un lieve incremento sulla percentuale di persone concentrate principalmente sull’ascolto (+2% vs 2023).

 

Cresce anche la frequenza: sono 8,8 milioni coloro che ascoltano podcast almeno una volta a settimana (+10% vs 2023) e 6 milioni coloro che ascoltano contenuti tutti i giorni o almeno 2/3 volte nel corso della settimana (+11% vs 2023): questi ultimi sono i cosiddetti “Hunters”, fruitori insaziabili che vanno spontaneamente alla ricerca di nuove proposte sulle piattaforme (38%), su Google (32%), consultano le classifiche (24%), chiedono consigli ad amici/colleghi (27%). Una categoria che rappresenta un target ideale per brand e aziende perché equamente distribuita per genere, età e titolo di studio e a cui piace consigliare podcast (61%) e farsi consigliare (66%).

 

Il 63 % degli italiani ascolta branded podcast, un dato in ripresa rispetto al 61% del 2023. Mantiene la sua forza l’impatto che il branded podcast ha sulla percezione di brand: il 38% conferma di aver scoperto brand che non conosceva (47% tra gli hunters) e il 53% apprezza i brand che producono podcast (ben il 60% tra gli hunters), a dimostrazione che non c’è un pregiudizio verso i contenuti brandizzati, anzi, il 62% tra gli hunters li ha ritenuti contenuti seri e professionali e il 65 % ha dichiarato di aver imparato cose che non sapeva. Importante però non sottovalutare la narrazione e la costruzione perché il 43 % li trova troppo commerciali (49% per gli hunters) e il 52 % poco interessanti (60% per gli hunters).

 

L’interesse degli ascoltatori si orienta sempre più verso l’approfondimento (45%) e il bisogno di imparare cose/ materie nuove (45%) a discapito dell’informazione, che registra meno 5 punti percentuali rispetto al 2023. L’attualità si conferma l’argomento più ricercato (41%) seguito da contenuti di inchieste/ reportage (40%) e dall’intrattenimento (37%), con una buona varietà di tematiche verticali più specifiche, che vanno dalla formazione professionale (17%) ai temi economici-finanziari (18%). I primi minuti devono essere in grado di catturare l’attenzione e l’elemento che guida la scelta resta il contenuto, ma cresce l’attenzione per la voce narrante: il 58% ritiene fondamentale il tema e l’argomento e il 27% il podcaster/speaker (+5% vs 2023), con un occhio di riguardo degli hunters verso nuovi creator (10%).

 

«Anche se di soli 2 punti percentuali la crescita quest’anno dell’ascolto del branded podcast è da considerarsi un dato significativo soprattutto se contestualizzato in un mercato sempre più competitivo e soprattutto fruito da un’audience sempre più esigente e competente. Rappresenta la conferma che si tratta ormai di un mercato interessante e soprattutto consolidato commenta Anna Vitiello, Direttore Scientifico di OBE – Per questo la qualità del contenuto e del racconto, come pure quella del podcaster/speaker, restano fattori determinanti per fare la differenza, oltre naturalmente a un piano di comunicazione correttamente integrato nella narrazione di brand. I dati della ricerca ci confermano ancora una volta che il branded podcast rappresenta un prezioso strumento nelle strategie di brand, purché si sia in grado di attirare l’attenzione degli ascoltatori, in particolare degli “Hunters”, con una narrazione coinvolgente e coerente, investendo in competenze autoriali, produttive e distributive. Occorre abbandonare l’approccio tattico e seguire “l’evoluzione della specie”, evolvere con loro. E alcuni segnali cominciano a intravedersi: collab e coopetition, serialità, integrazioni in format rilevanti e transmedialità sono i trend che abbiamo visto già da tempo nel mondo del BE e che iniziano a caratterizzare anche la strategia di costruzione dei podcast. C’è un grande potenziale. Bisogna solo imparare a sfruttarlo».

 

Grande spazio durante la giornata, attraverso talk dedicati, alle case history di aziende attive sul mercato nazionale e internazionale: Steve Goldstein CEO di Amplify Media, Arthur Larrey Cofounder di Audion, Francesca Mortari, Director YouTube Italia, Spagna, Portogallo @Google, Stefano Manca Strategic Partner Manager YouTube @Google, Alessia Cicuto Founder & Managing Partner brandstories e Helen Nonini Founder & CEO Schawa.

 

«L’OBE Podcast Committee, anche quest’anno, non è venuto meno al suo scopo, cioè quello di fare cultura sul Branded Podcast per promuoverne l’adozione presso tutti gli stakeholder – dichiara Mirko Lagonegro, portavoce OBE Committee e Founder e Ceo di MDE Audio Strategy – Con grande spirito collaborativo il Committee ha lavorato nel fornire indicazioni preziose sia per la costruzione del programma di questa terza edizione sia per la revisione del White Paper».

 

L’evento “Give your brand a voice” è organizzato da OBE, in collaborazione con OBE Podcast Committee, tavolo tecnico dell’Osservatorio nato nel 2021 per contribuire a creare e diffondere in Italia la cultura sui branded podcast – coordinato da Mirko Lagonegro, Founder & CEO MDE Audio Strategy, con i main partner 24 Ore System e Dr. Podcast e i partner Audion, brandstories, CairoRCS Media, MDE Audio Strategy, OnePodcast e Triboo Media.

Log in with your credentials

Forgot your details?